OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE AGRICOLE: L’ AGROFOTOVOLTAICO

Circolare Informativa

Dal 27 settembre è possibile presentare le domande inerenti al Bando Agrisolare che prevede forte incentivi per le imprese agricole che intendano realizzare impianti fotovoltaici su capannoni, stalle, fienili e costruzioni rurali. Dato che la documentazione da allegare alla domanda è corposa bisogna agire sin da ora. Le domande vanno presentate dalle ore 12 del 27 settembre alle ore 12 del 27 ottobre attraverso il portale messo a disposizione dal GSE e verranno accolte in ordine di presentazione. Cio’ vuol dire che in caso di insufficienza di fondi saranno accolte solo quelle presentate prima. La dotazione per il bando è pari a 1.5 miliardi di euro e il 40% di queste risorse è destinato alle regioni del sud tra cui la Puglia. A proposito della documentazione, fondamentale sarà la relazione di un tecnico che illustra il progetto sia dal punto tecnico che dal punto di risparmio energetico nonché la rappresentazione dei componenti dell’ impianto(tipologia pannelli, generatore, sistema di accumulo, etc…). Devono poi essere allegate planimetrie, visure catastali, etc…Ricordiamo per inciso, che non potranno essere accolte domande che prevedano il posizionamento su immobili abusivi, non condonati, etc….Bisogna porre attenzione sullo accatastamento dell’ immobile ove sarà realizzato l’ impianto perché deve trattarsi di fabbricati strumentali rurali e quindi nella visura devono risultare nella categoria D10 oppure se in altra categoria, devono avere l’ annotazione di fabbricati rurali.

In caso di accoglimento della domanda, potrà darsi luogo all’ inizio della realizzazione. Il contributo concesso sarà a fondo perduto.

Non posso aderire al bando le imprese agricole o zootecniche in regime Iva di esonero. Attenzione, il bando è riservato solo al fine di autoconsumo e non di cessione al GSE.

Per qualsiasi informazione: Studioviolafeliciano@alice.it   tel.0881549932

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.