Puglia rush finale per il Borgo dei Borghi: tutti con Vico

comunicato stampa, 31 marzo 2022 – Sindaco del Comune di Vico del Gargano

I post di Regione Puglia, Unione Proloco, Borghi più belli di Puglia e Unione delle Province

Sarà sfida al fotofinish, si può votare fino al 3 aprile sul sito Rai nella sezione dedicata

VICO DEL GARGANO (Fg) – “Siamo al rush finale per l’assegnazione del titolo de Il Borgo dei Borghi. Le votazioni online, sulla pagina https://tinyurl.com/385ermyw, si chiuderanno alla mezzanotte di domenica 3 aprile. Questi sono gli ultimi giorni utili per sostenere Vico del Gargano e con esso la Puglia, poiché il paese rappresenta tutta la regione in questa sfida”. E’ Michele Sementino, sindaco di Vico del Gargano, a lanciare l’ultimo appello al voto per il ‘paese dell’amore”, il borgo inscindibilmente legato al proprio patrono San Valentino.

Sulla sua pagina facebook personale, nelle ultime settimane il primo cittadino vichese ha promosso una campagna sostenuta anche dagli account social ufficiali del paese.

I TESTIMONIAL. Sono state tante le personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che hanno aderito alla campagna: lo scrittore, regista e sceneggiatore Federico Moccia, gli attori comici Pino Campagna e Santino Caravella, il loro collega del Mudù Umberto Sardella, l’Onorevole Vladimir Luxuria, Stefano Meloccaro e Benny di Radio Capital. Assieme a loro, si sono espressi in favore di Vico anche il ‘Gastronauta’ Davide Paolini, il cuoco-ambasciatore della Puglia Peppe Zullo, la cantante lirica Rosa Ricciotti, Piero Ancona di Sky Tg24, il cantante Pierdavide Carone, l’imitatore-comico e musicista Max Paiella, la conduttrice televisiva Chiara Giallonardo, lo scrittore Diego De Silva.

I MESSAGGI SOCIAL. Sulla propria pagina facebook, la Regione Puglia ha invitato a votare per Vico del Gargano, stessa cosa hanno, l’assessore regionale Rosa Barone, la consigliera regionale con delega alla Cultura Grazia Di Bari, l’onorevole Giorgio Lovecchio, il Gal Gargano, amministratori comunali e cittadini di tutta la Capitanata, a cominciare dal capoluogo e dai paesi garganici. Adesioni pro-Vico sono arrivate anche dal consorzio degli operatori turistici del Gargano, da CIA Agricoltori Italiani della Puglia, Pugliautentica, Associazione Per il Meglio della Puglia, UNPLI Puglia (Unione Nazionale delle Pro Loco), UPI Puglia (Unione delle Province Italiane) e Comune di Mattinata.

DAVANTI A 2 MILIONI DI ITALIANI. Il 17 aprile, giorno di Pasqua, davanti a 2 milioni di telespettatori, sarà Camila Raznovich, conduttrice su Rai 3 di Kilimangiaro, a svelare quale tra i 20 paesi d’Italia in gara sarà incoronato come “Il Borgo dei Borghi 2022”. La Puglia, rappresentata quest’anno da Vico del Gargano, dalla prima edizione del 2014 non ha mai portato a casa il titolo. La gara cui partecipa Vico del Gargano è riservata ai comuni che si fregiano del riconoscimento de “I Borghi più belli d’Italia”. In Puglia, in 13 appartengono a questo ristretto ‘club’ promosso dall’ANCI: Alberobello, Alberona, Bovino, Cisternino, Locorotondo, Maruggio, Monte Sant’Angelo, Otranto, Pietramontecorvino, Presicce-Acquarica, Roseto Valfortore, Specchia e Vico del Gargano.

LA SETTIMANA SANTA. Il ‘paese dell’amore’, così conosciuto per il suo legame col patrono San Valentino,  nei mesi scorsi, ha superato le preselezioni ed è arrivato in finale per rappresentare l’intera regione. Vico del Gargano è il suo borgo medievale, la Foresta Umbra, le spiagge di San Menaio e Calenella, le sue tante iniziative culturali. I quartieri più antichi del borgo hanno origini medievali: chiese, antichi palazzi, le vie e le piazze del centro storico ricordano la sua antica fondazione. Nel giorno di San Valentino, il 14 febbraio, la cittadina vichese si riempie di cuori, arance e limoni, poiché i suoi agrumi, come del resto la gustosissima ‘paposcia’ (il suo tipico panfocaccia) sono presidi Slow Food. Visitare Vico del Gargano è un’esperienza emozionante tutto l’anno, anche durante i tradizionali e suggestivi riti della Settimana Santa, con le processioni delle confraternite, i canti, la grande partecipazione popolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.