San Severo: Nella casa circondariale di San Severo è partito il progetto di Inclusione

Tra i vari progetti in atto nella nostra San Severo, si deve dare attenzione a un nuovo progetto che si sta facendo strada sempre di più.
Come ogni idea che unisce un piccolo gruppo di persone, ecco che ieri mattina nella casa circondariale di San Severo è partito il progetto di Inclusione ovvero il connubio perfetto dello sport e della salute.
Grazie a un bando Nazionale e al gran lavoro dell’associazione Eagles in collaborazione con la Direttrice della casa circondariale, dott.ssa Patrizia Andrianello e dell’ Ispettore Attilio Montanaro , la parola INCLUSIONE, diventa azione, organizzazione e un servizio dei cittadini, dando pieno spazio a incontri settimanali .
Il progetto serve per mettere in risalto l ‘ importanza dello sport per l’ inclusione in tutte le realtà ed anche in quella carceraria, far nascere dentro il mondo adulto la consapevolezza che si può stare tutti insieme, insegnare ai più giovani che la diversità non esiste se non dentro la nostra mente, imparare a usare un linguaggio inclusivo.
Non è stato semplice da attuare, perché nel progetto sono coinvolte anche le scuole e l’associazione Autismo San Severo, ma il grande lavoro di squadra è lo spirito comune di portare un esempio così forte, ha permesso di trovare fermezza e desiderio di rendere reale ciò che era solo un desiderio comune.
L’emozione e la soddisfazione di ognuno di noi è tanta, un ringraziamento speciale va al nostro Sindaco, Avv. Francesco Miglio, che ha presenziato l’inizio dei lavori ed al Segretario Regionale delll Sport e Salute, Dott. Francesco Toscano.
San Severo è tutto questo e molto altro ancora, ma possibile solo se la comunità è unita.

Pennacchio Rocco Enrico …Vice Presidente del Consiglio Comunale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.