LA VIA FRANCIGENA ASSET STRATEGICO PER LO SVILUPPO CULTURALE ED ECONOMICO DI SAN SEVERO E DELLA CAPITANATA

COMUNICATO STAMPA

Enrico Pennacchio: “La nostra città deve acquisire un ruolo centrale nel panorama dei cammini europei: la sua posizione geografica, tra Gargano e Monti Dauni, le consente di ambire ad un ruolo da protagonista”

La Via Francigena deve diventare una priorità per l’Amministrazione Comunale di San Severo. Ne è convinto Enrico Pennacchio, vicepresidente del Consiglio Comunale. Mercoledì 6 ottobre la terza carica istituzionale della massima assise cittadina è stata a Monte Sant’Angelo: ha partecipato alla cerimonia di accoglienza organizzata dal Comune della Città dei due siti Unesco per salutare i camminatori del Road to Rome 2021.

“Lo scorso 3 ottobre la città di San Severo ha ospitato un gruppo di camminatori dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. Ho avuto modo di conoscere personalmente questi pellegrini provenienti da ogni parte d’Italia, anche dall’Europa: è stato un momento di confronto e scambio culturale molto interessante e intenso. La Via Francigena è un itinerario culturale riconosciuto dal Consiglio d’Europa: negli ultimi due anni c’è stato un incremento del passaggio di camminatori e pellegrini. La città deve migliorare il sistema di accoglienza dedicato e le infrastrutture”, dichiara Enrico Pennacchio.

Continua Enrico Pennacchio: “A Monte Sant’Angelo ho incontrato il sindaco Pierpaolo d’Arienzo, a cui ho portato i saluti istituzionali della nostra città: ho assicurato al primo cittadino che la nostra Amministrazione farà il possibile per migliorare le infrastrutture e l’accoglienza lungo la Via Francigena. La collaborazione tra le due città è indispensabile per il futuro di questa tratta del cammino”.

A Monte Sant’Angelo era presenta anche Massimo Tedeschi, presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. “Ho ascoltato con molto interesse l’intervento del presidente Tedeschi che ha parlato dell’importanza strategica per i territori e le aree interne nello sviluppare il cammino europeo. Con le giuste infrastrutture e mentalità i benefici culturali ed economici sono assicurati. I camminatori sono una ricchezza che non va persa – dice Enrico Pennacchio, che aggiunge – ho avuto con lui un felice momento di dialogo in privato alla presenza del presidente del Comitato Culturale Vie Francigene San Severo, Francesco Ventricelli, e della presidente di Per Aspera ad Astra ETS – Associazione Culturale, Fabiola Ventricelli, che hanno creato i presupposti per questo incontro. Queste due compagini associative sono state fantastiche. In qualità di partner tecnico del Road to Rome 2021 hanno organizzato l’accoglienza, il supporto logistico e tecnico lungo la tratta Lucera – San Severo – Stignano. Non solo: hanno anche accompagnato personalmente il gruppo di camminatori da Celle di San Vito a Monte Sant’Angelo, risolvendo non pochi problemi: hanno dato lustro alla nostra città”.

Il Road to Rome 2021 deve essere un punto di partenza ufficiale per sviluppare la Via Francigena in Capitanata. “Dobbiamo innanzitutto risolvere quanto prima il problema della segnaletica tra Lucera e San Severo: il Comune è destinatario di un finanziamento economico importante da parte della Provincia di Foggia. L’Amministrazione Comunale sta cercando di dirimere una questione burocratica tra i due Enti – dice Enrico Pennacchio, che evidenzia anche – molti camminatori si perdono lungo la tratta da Lucera. Non ci sono punti d’acqua potabile. L’abbandono dei rifiuti in campagna alle porte della città è davvero un pessimo biglietto da visita. Dobbiamo migliorare subito, coinvolgere i cittadini sanseveresi e dialogare con le altre amministrazioni comunali e la Regione Puglia affinché il cammino possa essere messo in sicurezza quanto prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.